Clean Oceans International

Gli oceani sono in difficoltà.

Enormi quantità di rifiuti vegono riversati negli oceani, per poi riapparire su coste a migliaia di chilometri dai centri abitati principali. Una parte significativa di questo inquinamento è materiale plastico.

La maggior parte di noi non vive vicino ad un oceano; di certo la maggior parte di noi vive lontano dalle profondità degli oceani. Ma il pianeta è 80% oceani. Il clima che tutti noi affrontiamo (e guardate quello che gli sta succedendo) é condizionato dagli oceani. Gli oceani profondi non appartengono a nessuno, eppure appartengono a tutti.

Noi tutti usiamo plastica, è un materiale molto versatile di cui e’ molto difficile fare a meno. Usare plastica per molti prodotti ha tanti vantaggi; riduce i costi di trasporto perché è un materiale molto leggero e rende la distribuzione alimentare più efficiente. E ‘anche riciclabile.

 

Ma molta della plastica che usiamo non viene smaltita in modo responsabile. Gran parte viene semplicemente gettata via e finisce in una discarica o in mare. I risultati di tutto questo sono migliaia di tonnellate di rifiuti plastici che riaffiorano sulle coste oceaniche del Pacifico, Atlantico e Indiano.

Piccoli oggetti di plastica vengono scambiati per cibo da molti animali. Pesci e uccelli mangiano plastica e lo stomaco dell’animale si sente pieno , ma ovviamente non c’è nessun nutriente, così l’animale muore di fame.

 

La maggior parte della plastica non è biodegradabile, o se lo diventa è per un periodo di tempo molto lungo. Si divide in particelle sempre più piccole che lentamente ma inesorabilmente tornano nella catena alimentare marina e da qui nella nostra catena alimentare.

Il progetto di bonifica Oceani ha sede a Santa Cruz, California. E ‘stata fondata nel 2008 da un gruppo di attivisti interessati, scienziati e professionisti. Essi hanno portata globale e un’ambizione globale per sradicare l’inquinamento di plastica UFM oceani del mondo. Il modo in cui stanno facendo questo potrebbe essere riassunto in tre modi:

 

Realizzazione: sensibilizzazione in tutto il mondo che l’inquinamento oceanica è reale e che sta causando gravi danni.

Istruzione: Lavorare con un programma di formazione per la ricerca detriti per comprendere più a fondo le implicazioni del problema. Educare le persone che i materiali plastici devono essere smaltiti in modo responsabile e utilizzati in modo efficiente. Promuovendo il riciclaggio.

Risoluzione: Lo sviluppo di metodi di raccolta di plastica più efficienti. Distribuzione di programmi di pulizia Gyre. Smaltimento di plastica tramite una partnership con Blest Co. del Giappone per sviluppare uno dei sistemi di conversione più scalabile e compatto plastica-a-combustibile denominato Evolucient Sytems.

Tutto questo richiede finanziamenti e Rossi Uvema è orgogliosa di essere sponsor ufficiale del Clean Oceans International. Noi crediamo di dover aiutare direttamente e, quindi, piuttosto che garantire fondi per Clean Oceans International in base ai profitti, contribuiamo £ 1.00 per ogni prodotto acquistato dai nostri clienti on-line e £ 0.50 per ogni prodotto acquistato nei negozi al dettaglio. Per ogni prodotto che si acquista vi possiamo garantire che Clean oceani internazionale sarà un beneficiario diretto.

Nei prossimi mesi ci sarà la produzione di un blog per far sapere a tutti i progressi che si stanno compiendo e per ricordare a tutti che questo è un problema che sta colpendo tutti in tutto il mondo.

Siete pregati di visitare il sito web di Clean Oceans International  per approfondire e di condividere Rossi Uvema con i vostri amici per diffondere la parola!

COI long v2